home
facebook de en
  • azienda
    • home
    • home
  • azienda
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
  • mobbing
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
  • cc
  • rifiuti
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home


Per le vittime di mobbing


Per i professionisti

Corsi di formazione

Test mobbing LIPT

A.P.E.M.


Per le aziende

Per i CUG

In caso di separazione coniugale

Incontri e Convegni

Calendario

 

Il ricorso alle vie giuridiche per l'ottenimento di un congruo risarcimento per i danni riportati in seguito a una situazione di conflitto lavorativo (Mobbing, Straining, Stalking, Workaholism, molestie sessuali, burnout, stress lavoro correlato) è una delle vie risolutive sempre più battute dalle vittime di questo pericoloso fenomeno sociale. Conseguentemente, sempre più professionisti legali sono chiamati a studiare, promuovere e valutare cause di questo tipo.
L'inesistenza di una norma specifica di sanzione del comportamento vessatorio (mobbing) richiede una ricostruzione che tenga conto sia delle clausole generali di tutela che di quelle specifiche in ambito giuslavoristico.

Questo corso costituisce un aggiornamento teorico e pratico indispensabile per l'avvocato giuslavorista a cui la vittima si rivolge, per il giurista interessato ai risvolti dottrinali, per lo studente in cerca di approfondimenti e per il Magistrato chiamato a valutare e giudicare secondo equità. La prima sezione del corso ha come obiettivo quello di fornire gli strumenti di base per riconoscere e distinguere le varie forme di conflittualità lavorativa ed è a cura di Harald Ege, lo psicologo del lavoro che ha introdotto la tematica del Mobbing in Italia ed ha elaborato un Metodo di riconoscimento e quantificazione del danno da Mobbing riconosciuto ed utilizzato da vari Tribunali del Lavoro.

La seconda parte del corso, di pertinenza esclusivamente giuridica, è affidata a Matteo Cavallini e Daniela Cantisani, avvocati giuslavoristi con esperienza specifica sul tema della conflittualità lavorativa e del risarcimento del danno correlato. I contenuti generali comprendono: la necessità per il giurista del supporto di un esperto; le tecniche giuridiche di inquadramento del problema e la necessità di optare per il criterio logico - induttivo finalizzato alla ricerca delle soluzioni più idonee caso per caso; le soluzioni giuridiche e pratiche.

Chiude i lavori un contributo magistrale del dr. Carlo Sorgi, Giudice del Lavoro presso il Tribunale di Bologna, che nel 2001 ha firmato la prima sentenza italiana di Mobbing.


ATTIVATO SU RICHIESTA! Richiedi maggiori informazioni


<indietro

 
 

 

PRIMA - Associazione Italiana contro Mobbing e Stress psico-sociale - via G. Marconi 51 - 40122 Bologna - tel. e fax 051 614 89 19 Credits Scura Design