home
facebook de en
  • azienda
    • home
    • home
  • azienda
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
  • mobbing
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home
  • cc
  • rifiuti
    • home
    • home
    • home
    • home
    • home


Per le vittime di mobbing


Per i professionisti

Corsi di formazione

Test mobbing LIPT

A.P.E.M.


Per le aziende

Per i CUG

In caso di separazione coniugale

Incontri e Convegni

Calendario

 

Per professionisti e funzionari interessati a specializzarsi come conciliatori di liti (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro)


Ci sono liti e controversie in cui per la natura particolarmente complicata o conflittuale della questione o per il tipo di relazione che lega i contendenti, il rapporto tra le parti è destinato a prolungarsi e complicarsi nel tempo, con grande dispendio di denaro ed energie e spesso anche cruciale limitazione delle possibilità risolutive. In questi casi una valida alternativa all'azione legale davanti ad un tribunale è la composizione stragiudiziale della vicenda, ossia la mediazione tra le parti davanti ad un collegio arbitrale composto da mediatori professionisti, capaci di trovare e proporre, in tempi rapidi, la soluzione più vantaggiosa e soddisfacente per entrambi i contendenti. La mediazione è infatti una concreta opportunità per confrontarsi in via riservata, dialogare, ragionare insieme, valorizzare i rapporti e liberare il futuro dalla presenza di una lite. Può condurre le parti a definire la loro lite mediante un "accordo ben formato", dotato cioè concretezza e adeguatezza agli interessi, caratteristiche che permetteranno alle parti di uscire davvero dal loro conflitto, senza la frustrazione di una rinuncia (come tipico per la transazione) e senza l'amarezza di un giudizio basato soltanto su "ciò che risulta dagli atti". La mediazione può essere utilizzata per tutte le liti su diritti disponibili, tuttavia dal 20 marzo 2011 diverrà condizione di procedibilità obbligatoria ed indispensabile per l'avvio del processo per alcune materie (art.5, comma 1, del d-lgs 28/2010, ripreso da DM18 ottobre 2010), tra cui: liti condominiali, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da circolazione di veicoli e natanti, responsabilità medica, diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari.
Questo corso si rivolge ai professionisti interessati ad approfondire le tematiche relative alla mediazione che dal Marzo 2011 sarà obbligatoria. Potrà risultare utile anche ai funzionari di enti ed ai manager di aziende che intendano affrontare le opportunità di mediazione con un bagaglio di adeguate conoscenze teorico-pratiche. Oltre alla parte tecnica, in cui un professionista con specifica esperienza e formazione impartirà le conoscenze tecniche di base della negoziazione dei conflitti, il corso prevede l'intervento di uno psicologo che illustrerà le dinamiche psicologiche chiamate in causa nel processo conciliativo. Completa il quadro una simulazione guidata di un caso, in cui un mediatore sarà chiamato a ricomporre una lite di fronte alla platea dei presenti, che potrà intervenire con domande e suggerimenti.

 

ATTIVATO SU RICHIESTA! Richiedi maggiori informazioni


<indietro

 
 

 

PRIMA - Associazione Italiana contro Mobbing e Stress psico-sociale - via G. Marconi 51 - 40122 Bologna - tel. e fax 051 614 89 19 Credits Scura Design